Consorzio Pro Loco Meduna-Livenza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Piancavallo

Vivere il territorio > Storia e Ambiente

La località turistica di Piancavallo, così come è conosciuta oggi, è di recente sviluppo: fino a trent’anni fa Piancavallo esisteva solo come entità geografica collocata tra 1200 e i 1300 metri di quota, frequentata solo da pastori e boscaioli: solo in seguito divenne meta degli appassionati alpinisti ed escursionisti. A metà degli anni ’20, grazie ad una sottoscrizione promossa dal C.A.I., nasce il primo rifugio, il rifugio Policreti, che prende il nome dall’omonima famiglia nobiliare avianese che cedette il terreno su cui poggia il rifugio.
Durante la seconda guerra mondiale il rifugio Policreti diventa covo delle formazioni partigiane operanti nella zona del Friuli Occidentale e nel corso di un’azione di guerra fu incendiato dai tedeschi ma già pochi anni dopo iniziarono i lavori per la costruzione di un nuovo rifugio.
Questa località che ambiva a diventare una località turistica, non poteva permettersi di aspettare la neve, così nei primi anni ’70 si inaugurarono i primi sistemi di innevamento programmati d’Europa. Parallelamente vennero inaugurate due piste da sci e così questa località poté incominciare a pensare in grande.
Da lì a pochi anni Piancavallo incomincia ad assumere fama internazionale ospitando anche famose e importanti gare a livello mondiale ed oggi è un comprensorio sciistico di notevole importanza, con numerose piste da discesa di diverse difficoltà (dalla Nazionale, che ha ospitato più volte gare di discesa libera valide per la coppa del mondo femminile, la Salomon, anch’essa sede di gare a livello mondiale, per lo slalom, alla Sauc adatta a competizioni internazionali di slalom fino alla Daini e Caprioli, utilizzabili anche da bambini e principianti) sei anelli da fondo e la possibilità di alcuni percorsi fuoripista. Da ricordare inoltre il palaghiaccio e l’annesso centro sportivo polifunzionale, nonché tutte le attività che rendono Piancavallo una meta turistica anche nel periodo estivo: i maneggi, con la possibilità di escursioni guidate a cavallo lungo i sentieri della montagna ed il trekking, con numerosi itinerari, malghe e rifugi.

                                                

La stazione turistica di Piancavallo; sullo sfondo è visibile una delle piste da discesa.                                               Piancavallo; escursionismo alpino


Uno sguardo d'insieme -  Le sorgenti del Gorgazzo -  I Magredi "I campi magri" - Il Parco naturalistico di San Floriano
La storia dell'uomo nel territorio - Le tracce della preistoria - L'invasione turca del 1499

Torna ai contenuti | Torna al menu