Consorzio Pro Loco Meduna-Livenza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Uno sguardo d'insieme

Vivere il territorio > Storia e Ambiente

Il territorio del Consorzio si presenta oggi come una zona ricca di risorse sia a livello naturale che per quanto riguarda lo sviluppo economico. Estendendosi tra il paesaggio montano delle prealpi carniche fino alle fertili pianure sottostanti, la zona presenta un paesaggio naturale piuttosto vario, ricco di interessanti spunti per gli appassionati della natura e dell’ambiente.

Interessanti da visitare i luoghi collinari, sia per l’aspetto naturalistico e faunistico che per le singolari vedute panoramiche, magari immerse nelle radici medioevali dei castelli di Caneva  o di Aviano.

Caratteristica distintiva del territorio è la ricchezza d’acqua, che in diversi modi si fonde con il paesaggio fino a creare ambienti suggestivi e unici nel loro genere, come la sorgente del Gorgazzo, meta di innumerevoli immersioni subacquee e di numerosi pittori o appassionati di fotografia, intenti a cogliere i colori di quell’acqua che nasce da una caverna ai piedi di uno sperone roccioso. Da visitare inoltre le sorgenti del Livenza, sede di numerosi ritrovamenti preistorici, le zone paludose, le risorgive e gli innumerevoli e suggestivi paesaggi fluviali che spesso si fondono incantevolmente con le architetture urbane o ricreano degli angoli di natura incontaminata appena fuori dai centri abitati come nel cuore delle zone aperte. Dal punto di vista economico e produttivo l’area consortile si distingue per la grande diffusione della piccola e media industria, entrando in parte nell’area del distretto mobiliero; per quanto riguarda l’agricoltura i fertili territori pianeggianti si rendono adatti a coltivazioni estensive di diverso tipo, anche pregiate: tra queste si ricorda in primo luogo la coltivazione del kiwi, del nashi e della vite. A sostenere lo sviluppo agricolo anche un consistente impegno nel settore dell’allevamento, in questo caso con qualche nota esotica, come i famosi allevamenti di struzzi nel territorio del comune di Fiume Veneto. Frutto di un così antico e profondo legame con la natura e la terra la ricca gastronomia tradizionale del territorio, dai sapori frugali ed intensi ed accompagnata da ottimi vini.
Per gli appassionati di arte e di storia gli spunti sono moltissimi: dagli scavi archeologici alle rovine medioevali di Caneva e Aviano, seguendo le tracce del passaggio dei Cavalieri Templari a Roveredo in Piano e San Quirino fino ai numerosissimi esempi di arte sacra dal ‘400 in poi, in tutto il territorio. Da visitare la veneziana Sacile, “giardino della Serenissima”, ed i luoghi delle battaglie napoleoniche. Interessanti inoltre in tutto il territorio, specialmente nella zona pedemontana, le numerose testimonianze di arte ed architettura popolare, che si intrecciano con una ricchissima storia di artigianato, cultura e tradizioni che nessun libro meglio del territorio è capace di raccontare.



Le sorgenti del Gorgazzo -  I Magredi "I campi magri" - Il Parco naturalistico di San Floriano - Piancavallo
La storia dell'uomo nel territorio - Le tracce della preistoria - L'invasione turca del 1499

Torna ai contenuti | Torna al menu